Il Folletto Mangiasogni

press to zoom

press to zoom

press to zoom

press to zoom
1/7

Il Folletto Mangiasogni

Produzione: Fratelli di Taglia
Regia: Giovanni Ferma e Daniele Dainelli
Di: Giovanni Ferma e Daniele Dainelli
Con: Giovanni Ferma

Costumi e oggetti di scena: Marina e Patrizia Signorini
Luci e Fonica: Andrea Bracconi

Tecnica Utilizzata: teatro d’attore, uso di maschere pupazzi, canto dal vivo

Codice Opera (SIAE):  906452A
 
Fascia di età: 3-8 anni
Durata: 55 minuti

"Mangiasogni, mangiasogni!

Prendi bello il tuo coltello,

tira fuori in grande fretta

la tua piccola forchetta

Apri il becco su quei sogni

Che spaventano il bambino!

Ma se il sogno è bello

e buono, divertente o sol carino,

mi sia subito lasciato!

Mangiasogni, Mangiasogni,
Mangiasogni io t’ho invitato!"

Arriva un momento in cui la paura di fare brutti sogni può diventare un problema. I bambini si rifiutano di dormire nel loro letto, pretendono di stare in mezzo a mamma e papà e, in caso di rifiuto, sanno come essere convincenti.

In un bosco tutto bianco vive uno strano folletto è il Mangiasogni: un buffo ometto dal colore della luna, occhi sfavillanti come le stelle, bocca straordinariamente grande e soprattutto affamato di brutti sogni, che a lui piace mangiare con forchetta e coltello.

Ora è nel suo bosco e aspetta che un bambino lo chiami, per correre a mangiargli il brutto sogno.

Per chiamare il Mangiasogni però serve una formula magica… una filastrocca… alla quale il folletto non sa resistere…