cartolina cappuccetto sCAPPUCCETTO ROSSO 

Fascia d’età: 5-­10 anni

Gruppi possibilmente omogenei

La storia, quella classica, è narrata e interpretata da due personaggi fantastici: Bum e Annie, che vivono nel “Cortile” trasformato in un bosco metropolitano, che diventa anche lo spazio scenico in cui vengono accolti alcuni degli spettatori.
In questo cortile surreale Annie diventerà, per gioco, Cappuccetto Rosso e Bum il Lupo.
Attraverso una comicità esilarante ispirata alla Commedia dell'Arte e al Clown, il Lupo trasformista ‘con scherzi e lazzi' coinvolgerà Cappuccetto, e con lei il pubblico presente, in un carosello di situazioni travolgenti, filastrocche, canzoni, suoni e magie di colori. E alla fine riuscirà nel suo intento: mangerà prima la nonna e poi la bambina.
Qui finisce la favola originale di Perrault, mentre prende forma una morale che ci è sembrata molto attuale. In questo squarcio di inizio millennio la favola di Cappuccetto Rosso si inserisce in uno scenario in cui i bambini sono sempre più soggetti alle insidie del lupo cattivo che troppe volte mascherato dietro rassicuranti sembianze, attenta alla loro libertà fisica e morale.

Questo spettacolo vuole essere un contributo alla difesa dei minori di tutto il mondo, ancora oggi maltrattati, violentati, sfruttati e sempre più indifesi.
La morale di Perrault
Qui si vede che i bimbi,
ed ancor più le care bimbe,
così ben fatte, belline e aggraziate,
han torto di ascoltare persone non fidate.
Perché c'è sempre il Lupo che se le può mangiare.
Dico il Lupo perché non tutti i lupi
son d'una specie, e ben ven'è di astuti che,
in silenzio, dolciastri, e compiacenti,
inseguon le imprudenti,
fin nelle case.
Ahimè, son proprio questi i lupi più insidiosi e più funesti!

ozio_gallery_jgallery
Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura